Vogliono chiudere il CRAB!

Ott 10, 2012 | Comunità, Sistemi sementieri | 0 commenti

Il Centro di Riferimento per l’Agricoltura Biologica (CRAB) è a serio rischio dopo appena 10 anni di attività. Il CRAB è una delle pochissime strutture di supporto all’agricoltura che ha operato nel quadro delle varietà da conservazione attivandosi per l’iscrizione di varietà piemontesi.

Il Centro di Riferimento per l’Agricoltura Biologica (CRAB) è a serio rischio dopo appena 10 anni di attività. Il CRAB è una delle pochissime strutture di supporto all’agricoltura che ha operato nel quadro delle varietà da conservazione attivandosi per l’iscrizione di varietà piemontesi.

Il C.R.A.B. nato nel 2002, ha saputo affermarsi in questi dieci anni di attività come un punto di
riferimento per tutti gli operatori agricoli che desiderano lavorare adottando i criteri
dell’agricoltura biologica o anche solo di quella sostenibile.
Molte biodiversità che sarebbero andate perse irrimediabilmente, sono ora tutelate, coltivate e
ricercate dagli agricoltori e dai consumatori più attenti. Sono circa 40 le antiche varietà di cereali
ed ortaggi tipici del territorio piemontese che il CRAB ha recuperato e sta ora mantenendo in
purezza per la fornitura di seme agli agricoltori. Ma il CRAB non è stato solo questo: il centro ha
avuto la capacità di riavvicinare la realtà contadina al mondo della ricerca trovando il linguaggio
più adeguato per far comprendere l‘utilità dei risultati ottenuti dalle sperimentazioni e riuscendo a
vincere la proverbiale diffidenza degli agricoltori verso il mondo del sapere scientifico, visto quasi
sempre come svincolato dalla realtà agricola quotidiana.
In questi anni il Centro ha anche creato posti di lavoro per giovani ricercatori che sono andati a
costituire un gruppo di eccellenza piemontese nel settore della sperimentazione agricola.
Nel 2012 la Regione Piemonte e la Provincia di Torino, principali soci dell’ente, non hanno più
dato al CRAB alcun tipo di finanziamento. Per tale ragione il CRAB è ora in dissesto finanziario e la
volontà è ora di porlo in liquidazione.
I ricercatori e i dipendenti del CRAB chiedono a tutti coloro che hanno a cuore la tutela delle
biodiversità, la salvaguardia dell’ambiente e la diffusione dell’agricoltura biologica di adoprarsi
nelle sedi più opportune affinché il CRAB non venga chiuso e possa continuare a fare il suo lavoro,
lo possa fare nella forma autonoma che ha avuto sino ad ora e con la salvaguardia dei posti di
lavoro di tutti gli attuali ricercatori, indispensabili per la realizzazione dei programmi in corso e di
quelli futuri.
Inviate una mail di richiesta affinchè il CRAB non chiuda ai seguenti indirizzi:
marco.balagna@provincia.torino.it

 

assessore.agricoltura@regione.piemonte.it
ida.vana@provincia.torino.it

 

assessore.consiglio@regione.piemonte.it

ArticoliComunità

Le sfide del 2022

di Riccardo Bocci - Rete Semi Rurali Nel 2019 la Commissione Europea ha ripreso in mano un dossier abbandonato da qualche anno, causa cocente bocciatura nel 2014 da parte del Parlamento: la legislazione sementiera. Si tratta di un tema cruciale per il settore...

ArticoliRicerca azione

Il punto di vista del mondo del biologico

Da IFOAM Organics Europe Per migliorare le condizioni per lo sviluppo di varietà adatte al biologico, sono cruciali una maggiore flessibilità e dei criteri adeguati per la registrazione delle varietà biologiche. I risultati della sperimentazione temporanea sulle...

ArticoliComunità

Le varietà biologiche

Il regolamento europeo per il biologico (UE) 2018/848 introduce una nuova categoria di sementi iscritte ai registri nazionali e comunitario: le varietà biologiche. La definizione che ne da il regolamento è di “una varietà […] che: a) è caratterizzata da un elevato...

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla Newsletter RSR e ricevi solo notizie e articoli su Agrobiodiversità, inviti ad eventi, iniziative dei nostri Soci.

Send this to a friend