Progetto di recupero e valorizzazione del patrimonio varietale della patata bianca di Oreno: risorsa alimentare e culturale della Brianza

Giu 28, 2011 | Comunità, filiere locali, Sistemi sementieri | 0 commenti

Il Parco della Cavallera sta promuovendo un progetto di recupero della coltivazione della patata “Bianca di Como” o “Biancona” partendo da selezioni varietali messe a disposizione dal Consorzio della Patata Quarantina. Il progetto sta riattivando lo scambio di saperi e collaborazioni tra gli agricoltori locali e produttori della Montagna Lariana.

 Il metodo progettuale adottato è quello della integrazione tra le attività di conservazione ex situ ed in situ (detto anche on farm per le specie agrarie), ovvero una pratica che permette di preservare non solo le avrietà ma anche tutte le conoscenze a aprtitre da quelle tecnicche-cultirali fino a quelle gastronomiche.

Il Parco della Cavallera sta promuovendo un progetto di recupero della coltivazione della patata “Bianca di Como” o “Biancona” partendo da selezioni varietali messe a disposizione dal Consorzio della Patata Quarantina. 

Il progetto sta riattivando lo scambio di saperi e collaborazioni tra gli agricoltori locali e produttori della Montagna Lariana.

 Il metodo progettuale adottato è quello della integrazione tra le attività di conservazione ex situ ed in situ (detto anche on farm per le specie agrarie), ovvero una pratica che permette di preservare non solo le avrietà ma anche tutte le conoscenze a aprtitre da quelle tecnicche-cultirali fino a quelle gastronomiche.

Nell’ambito del progetto, in collaborazione con il Consorzio Agricola Brianza e l’Associazione Agricoltori Valle San Martino, il 2 e 3 luglio sono state organizzate due giornate.

 La prima giornata (vedi Calendario Rete) prevede dopo un resoconto sugli aspetti agronomici riscontrati la visita nel campo varietale per una valutazione dei campi in piena coltivazione.

 La seconda (vedi calendario Rete) un seminario in cui Massimo Angelini riporterà l’esperienza della UQarantine nell’Organizzazione della Filiera, le strategie di marketing e commercializzazione.

 per maggiori informazioni: www.parcodellacavallera.it

ArticoliComunità

Le sfide del 2022

di Riccardo Bocci - Rete Semi Rurali Nel 2019 la Commissione Europea ha ripreso in mano un dossier abbandonato da qualche anno, causa cocente bocciatura nel 2014 da parte del Parlamento: la legislazione sementiera. Si tratta di un tema cruciale per il settore...

ArticoliComunità

Le varietà biologiche

Il regolamento europeo per il biologico (UE) 2018/848 introduce una nuova categoria di sementi iscritte ai registri nazionali e comunitario: le varietà biologiche. La definizione che ne da il regolamento è di “una varietà […] che: a) è caratterizzata da un elevato...

ArticoliComunità

Il materiale eterogeneo biologico

Il materiale eterogeneo biologico rappresenta una delle maggiori novità del nuovo regolamento europeo per il biologico (UE 2018/848) e un’evoluzione rispetto all’esperimento temporaneo sulle popolazioni di cereali (2014/150/UE). Il materiale eterogeneo è definito...

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla Newsletter RSR e ricevi solo notizie e articoli su Agrobiodiversità, inviti ad eventi, iniziative dei nostri Soci.

Send this to a friend