La “rieducazione degli ibridi” tra le sperimentazioni del Consorzio della Quarantina

Gen 27, 2011 | Comunicazioni dai soci, Comunità, Ricerca azione, ricerca partecipata, Sistemi sementieri | 0 commenti

Ci fa piacere riportare sinteticamente quanto scritto nell’ultimo Notiziario breve del Consorzio della Quarantina riguardo ad alcune sperimentazioni condotte dai soci del Consorzio e interessanti per tutti. Le sperimentazioni riguardano la moltiplicazione di patate a partire dal seme vero, le analisi legate alla solanina e all’indice glicemico delle patate del genovesato in rapporto alle varietà commerciali, in fasi diverse e secondo diversi metodi di cottura, la semina congiunta di diverse varietà di patate, gli effetti del BRF sulle colture e ancora la “rieducazione degli Ibridi”.

Ci fa piacere riportare sinteticamente quanto scritto nell’ultimo Notiziario breve del Consorzio della Quarantina riguardo ad alcune sperimentazioni condotte dai soci del Consorzio e interessanti per tutti. Le sperimentazioni riguardano la moltiplicazione di patate a partire dal seme vero, le analisi legate alla solanina e all’indice glicemico delle patate del genovesato in rapporto alle varietà commerciali, in fasi diverse e secondo diversi metodi di cottura, la semina congiunta di diverse varietà di patate, gli effetti del BRF sulle colture e ancora la “rieducazione degli Ibridi”.

Sulla rieducazione degli ibridi è importante riportare quanto scritto nel Notiziario:
” si pensa comunemente che gli ibridi (F1) siano sterili. Non è sempre vero, anzi! Alcuni ibridi F1 possono avere subito un processo di sterilità indotta, ma sono piuttosto rari; normalmente, invece, possono andare in seme, solo che attraverso il seme (e in questo sono, per così dire, “sterili”) non si ottiene lo stesso ibrido, ma i parentali diretti (cioè le varietà che sono servite per confezionare l’ibrido) e, in qualche caso di recessione genetica, anche i parentali atavici, fino a ritornare anche, in minima percentuale, alle forme selvatiche e originarie”… “Per partecipare basta procurarsi bustine di sementi (fagioli, cavoli, insalate, carote …) commerciali di ibridi (F1), seminare, mandare in fiore, raccogliere i semi e riseminare il secondo anno, per vedere, rispetto all’ibrido, cosa succede e dove si ritorna, e prendere nota e documentazione (fotografie) di cosa succede. “

ArticoliComunità

Le sfide del 2022

di Riccardo Bocci - Rete Semi Rurali Nel 2019 la Commissione Europea ha ripreso in mano un dossier abbandonato da qualche anno, causa cocente bocciatura nel 2014 da parte del Parlamento: la legislazione sementiera. Si tratta di un tema cruciale per il settore...

ArticoliRicerca azione

Il punto di vista dei contadini

Dal Coordinamento Europeo La Via Campesina Dobbiamo trovare una risposta alle sfide attuali delineate nelle strategie Farm to Fork e Biodiversità. Queste sfide includono l'adattamento ai cambiamenti climatici, l'emancipazione dalla dipendenza da fertilizzanti...

ArticoliRicerca azione

Il punto di vista del mondo del biologico

Da IFOAM Organics Europe Per migliorare le condizioni per lo sviluppo di varietà adatte al biologico, sono cruciali una maggiore flessibilità e dei criteri adeguati per la registrazione delle varietà biologiche. I risultati della sperimentazione temporanea sulle...

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla Newsletter RSR e ricevi solo notizie e articoli su Agrobiodiversità, inviti ad eventi, iniziative dei nostri Soci.

Send this to a friend