L’Aquila: nonostante tutto è un fiorire di orti nelle aree verdi del Progetto C.A.S.E., a due anni dal 6 aprile si può ricominciare così

Apr 6, 2011 | Comunicazioni dai soci, Comunità, filiere locali | 0 commenti

Grazie ad un anticipo di primavera gli aquilani, ospiti nei nuovi insediamenti abitativi costruiti dopo il sisma del 6 aprile, hanno rincominciato a lavorare negli Orti loro assegnati. E se è vero che coltivare un orto o prendersi cura di fiori e piante nei terrazzi o in giardino allunga la vita, allora ancora di più questa iniziativa trova ragion d’essere, perché forti sono ancora i disagi, il senso di sconforto e di malessere, a due anni dal giorno in cui tutto è cambiato per l’Abruzzo interno. 

Con questa consapevolezza l’Ente Parco del Gran Sasso e dei Monti della LAga da subito si è mostrato parte attiva al processo di rinascita, dapprima con il progetto “10 orti per 10 tendopoli” e poi successivamente, curando la gestione dei 216 orti realizzati nelle aree verdi del Progetto C.A.S.E.

Grazie ad un anticipo di primavera gli aquilani, ospiti nei nuovi insediamenti abitativi costruiti dopo il sisma del 6 aprile, hanno rincominciato a lavorare negli Orti loro assegnati. E se è vero che coltivare un orto o prendersi cura di fiori e piante nei terrazzi o in giardino allunga la vita, allora ancora di più questa iniziativa trova ragion d’essere, perché forti sono ancora i disagi, il senso di sconforto e di malessere, a due anni dal giorno in cui tutto è cambiato per l’Abruzzo interno.

Con questa consapevolezza l’Ente Parco del Gran Sasso e dei Monti della LAga da subito si è mostrato parte attiva al processo di rinascita, dapprima con il progetto “10 orti per 10 tendopoli” e poi successivamente, curando la gestione dei 216 orti realizzati nelle aree verdi del Progetto C.A.S.E.

 Il successo dell’iniziativa, il desiderio espresso dagli sfollati di coltivare anche solo un piccolo pezzo di terra ed il fatto stesso che gli orti urbani, all’interno degli insediamenti del progetto CASE, sono divenuti luoghi di socializzazione, consentendo anche di affermare un’identità nella uniformità logistica delle nuove residenze, hanno spinto il Parco Gran Sasso – Laga ad accettare la proposta di continuare a gestire gli orti urbani della città dell’Aquila fino al 31 dicembre 2011.

 La richiesta di proroga dell’affidamento in gestione è giunta all’Ente Parco a firma dell’Assessore all’Ambiente del Comune dell’Aquila, Alfredo Moroni, e richiama l’accordo, sottoscritto ad Assergi il 1 giugno 2010, attraverso il quale fu affidata al Parco, in forma gratuita e quale apporto altamente qualificato, la gestione della fase di avvio e sperimentazione degli orti, nelle more dell’adozione dello specifico Regolamento a cura del Consiglio Comunale.

 Nella lettera l’Assessore Moroni ringrazia l’Ente Parco per avere sostenuto l’Amministrazione Comunale nel delicato compito di avviare la ripresa sociale della città dell’Aquila, con un progetto piccolo ma senz’altro significativo, che molti risultati ha prodotto in termini sociali e culturali.

 Il Presidente Arturo Diaconale, si è detto soddisfatto dell’opportunità di dare seguito alla proficua collaborazione con il Comune dell’Aquila, mettendo a frutto le competenze tecniche dell’Ente e dedicandole ad un progetto le cui implicazioni sono importanti e necessarie per la cittadinanza aquilana. Dal canto suo il Direttore, Marcello Maranella, ha sottolineato l’impegno del Servizio Agro Silvo Pastorale del Parco nel porre le proprie energie al servizio di una causa certamente impegnativa ma gratificante per l’intero Ente Parco.

 

 Ufficio Stampa PNGSL Dott.ssa Grazia Felli Tel. 0862 6052209 – Fax 0862 6052207 -Cell. 339 4920875 comunicazione@gransassolagapark.it

ArticoliComunità

Le sfide del 2022

di Riccardo Bocci - Rete Semi Rurali Nel 2019 la Commissione Europea ha ripreso in mano un dossier abbandonato da qualche anno, causa cocente bocciatura nel 2014 da parte del Parlamento: la legislazione sementiera. Si tratta di un tema cruciale per il settore...

ArticoliComunità

Le varietà biologiche

Il regolamento europeo per il biologico (UE) 2018/848 introduce una nuova categoria di sementi iscritte ai registri nazionali e comunitario: le varietà biologiche. La definizione che ne da il regolamento è di “una varietà […] che: a) è caratterizzata da un elevato...

ArticoliComunità

Il materiale eterogeneo biologico

Il materiale eterogeneo biologico rappresenta una delle maggiori novità del nuovo regolamento europeo per il biologico (UE 2018/848) e un’evoluzione rispetto all’esperimento temporaneo sulle popolazioni di cereali (2014/150/UE). Il materiale eterogeneo è definito...

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla Newsletter RSR e ricevi solo notizie e articoli su Agrobiodiversità, inviti ad eventi, iniziative dei nostri Soci.

Send this to a friend