Il ritorno della segale in Vallecamonica

Ott 6, 2011 | Comunità, filiere locali | 0 commenti

L’associazione ruralpini offre uno spazio di riflessione sui risultati della reintroduzione di un cereale minore in ambienti marginali.

 Cereali minori: c’è spazio per un ritorno?

I risultati di una prova condotta in Vallecamonica con particolare riferimento alla coltura della segale. Piccoli campi che sembrano sfidare un destino di abbandono, di trasformazione della montagna in un deserto verde. L’oro delle spighe è un segno di ritorno alla vita. Anche se i problemi da superare non sono pochi, specie quelli legati alla raccolta e alle soluzioni di meccanizzazione http://www.ruralpini.it

ArticoliComunità

Le sfide del 2022

di Riccardo Bocci - Rete Semi Rurali Nel 2019 la Commissione Europea ha ripreso in mano un dossier abbandonato da qualche anno, causa cocente bocciatura nel 2014 da parte del Parlamento: la legislazione sementiera. Si tratta di un tema cruciale per il settore...

ArticoliComunità

Le varietà biologiche

Il regolamento europeo per il biologico (UE) 2018/848 introduce una nuova categoria di sementi iscritte ai registri nazionali e comunitario: le varietà biologiche. La definizione che ne da il regolamento è di “una varietà […] che: a) è caratterizzata da un elevato...

ArticoliComunità

Il materiale eterogeneo biologico

Il materiale eterogeneo biologico rappresenta una delle maggiori novità del nuovo regolamento europeo per il biologico (UE 2018/848) e un’evoluzione rispetto all’esperimento temporaneo sulle popolazioni di cereali (2014/150/UE). Il materiale eterogeneo è definito...

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla Newsletter RSR e ricevi solo notizie e articoli su Agrobiodiversità, inviti ad eventi, iniziative dei nostri Soci.

Send this to a friend