I produttori d’eccellenza del Parco Gran Sasso Laga solidali con i colleghi africani

Giu 17, 2011 | Comunicazioni dai soci, Comunità | 0 commenti

PARCO NAZIONALE DEL GRAN SASSO E MONTI DELLA LAGA

Assergi 16/06/2011 – Quella del prossimo 18 giugno si preannuncia come una trasferta importante per molti operatori del settore agroalimentare del Parco che hanno deciso di rendere tangibile la solidarietà nei confronti delle popolazioni, dei contadini e degli allevatori del continente africano. Saranno infatti presenti alla Festa Nazionale di Slow Food, che si terrà nel cortile del palazzo comunale di Sulmona, organizzata dalla Condotta Peligna, per sostenere ed “adottare” almeno un orto in Africa.

PARCO NAZIONALE DEL GRAN SASSO E MONTI DELLA LAGA

Sabato a Sulmona, per la festa nazionale di Slow Food

 Assergi 16/06/2011 – Quella del prossimo 18 giugno si preannuncia come una trasferta importante per molti operatori del settore agroalimentare del Parco che hanno deciso di rendere tangibile la solidarietà nei confronti delle popolazioni, dei contadini e degli allevatori del continente africano. Saranno infatti presenti alla Festa Nazionale di Slow Food, che si terrà nel cortile del palazzo comunale di Sulmona, organizzata dalla Condotta Peligna, per sostenere ed “adottare” almeno un orto in Africa.

 

[ …] Il progetto sugli orti è ormai divenuto uno dei cavalli di battaglia di Slow Food che ne ha fatto uno strumento di trasmissione di conoscenze antiche e dimenticate, cultura materiale e non solo. Con la collaborazione dello stesso Ente Parco Gran Sasso Laga già nel 2009 è stato realizzato il progetto “10 Orti per 10 Tendopoli” nelle aree colpite dal sisma del 6 aprile. La collaborazione del Parco con l’Associazione Slow Food è da molti anni stretta proprio per la volontà del Parco di tutelare il territorio anche attraverso lo sviluppo e la promozione delle attività umane, soprattutto quelle compatibili e legate alla tradizione agricola e zootecnica ed alla trasformazione delle materie prime. Assieme agli ormai classici Presidi della tradizione gastronomica abruzzese: Canestrato di Castel del Monte, Pecorino di Farindola, Lenticchie di S. Stefano di sessanio e Mortadelle di Campotosto, a Sulmona converrà anche la Rete degli Agricoltori Custodi del Parco, con le numerose antiche varietà locali recuoperate, gli Allevatori e i Produttori del Gran Sasso. La loro presenza rappresenta senza dubbio un segnale importante in termini di interesse e solidarietà nei confronti dei colleghi africani.

ArticoliComunità

Le sfide del 2022

di Riccardo Bocci - Rete Semi Rurali Nel 2019 la Commissione Europea ha ripreso in mano un dossier abbandonato da qualche anno, causa cocente bocciatura nel 2014 da parte del Parlamento: la legislazione sementiera. Si tratta di un tema cruciale per il settore...

ArticoliComunità

Le varietà biologiche

Il regolamento europeo per il biologico (UE) 2018/848 introduce una nuova categoria di sementi iscritte ai registri nazionali e comunitario: le varietà biologiche. La definizione che ne da il regolamento è di “una varietà […] che: a) è caratterizzata da un elevato...

ArticoliComunità

Il materiale eterogeneo biologico

Il materiale eterogeneo biologico rappresenta una delle maggiori novità del nuovo regolamento europeo per il biologico (UE 2018/848) e un’evoluzione rispetto all’esperimento temporaneo sulle popolazioni di cereali (2014/150/UE). Il materiale eterogeneo è definito...

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla Newsletter RSR e ricevi solo notizie e articoli su Agrobiodiversità, inviti ad eventi, iniziative dei nostri Soci.

Send this to a friend