Emergenza OGM! Nuovo richiamo alla firma della petizione per l’adozione della clausola di salvaguardia

Mar 7, 2013 | agrobiodiversità, Comunicazioni dai soci, Comunità, Seminare il cambiamento | 0 commenti

Di seguito il testo del volantino e il link per scaricarlo diffuso dal Gruppo Coltivare Condividendo e condiviso da Casa dei Beni Comuni, Comitato Acqua Bene Comune, la Skasera

 EMERGENZA OGM !!!! anche in provincia di Belluno

 Qualche mese fa una sentenza della Corte Europea e una fortissima pressione delle multinazionali sementiere sugli organi comunitari, ha di fatto dato “via libera” alla coltivazione di alcune varietà di Organismi Geneticamente Modificati anche in quelle Nazioni in cui erano banditi. Quasi tutti i Paesi europei hanno adottato la “clausola di salvaguardia” che blocca, a livello nazionale, questa “liberalizzazione” e di fatto hanno vietato ogni coltivazione OGM. Purtroppo in Italia tutto ciò non è stato fatto(nonostante tutte le Regioni abbiano chiesto il blocco degli OGM), ma, cosa assai grave di questa questione non si parla affatto

Di seguito il testo del volantino e il link per scaricarlo diffuso dal Gruppo Coltivare Condividendo e condiviso da Casa dei Beni Comuni, Comitato Acqua Bene Comune, la Skasera

 EMERGENZA OGM !!!!

 anche in provincia di Belluno

 Qualche mese fa una sentenza della Corte Europea e una fortissima pressione delle multinazionali sementiere sugli organi comunitari, ha di fatto dato “via libera” alla coltivazione di alcune varietà di Organismi Geneticamente Modificati anche in quelle Nazioni in cui erano banditi. Quasi tutti i Paesi europei hanno adottato la “clausola di salvaguardia” che blocca, a livello nazionale, questa “liberalizzazione” e di fatto hanno vietato ogni coltivazione OGM. Purtroppo in Italia tutto ciò non è stato fatto(nonostante tutte le Regioni abbiano chiesto il blocco degli OGM), ma, cosa assai grave di questa questione non si parla affatto

NON POSSIAMO RESTARE INERTI DINNANZI A QUESTO PERICOLO.. E INDISPENSABILE AGIRE !!!

 

Chiediamo con forza che anche l Italia blocchi le coltivazioni OGM

 

Firma, fai firmare e diffondi la petizione che chiede l’immediata adozione della clausola di salvaguardia, il bando degli OGM

 

Appello condiviso da:

 

Casa dei Beni Comuni, Comitato Acqua Bene Comune, la Skasera, Gruppo Coltivare Condividendo..

 

ECCO PERCHE’ DICIAMO NO AGLI OGM..

 

1) CONTAMINAZIONE e conseguente PERDITA della BIODIVERSITA’ coltivata (in primis delle varietà tipiche di mais.. sponcio, marano, fiorentin, cinquantino, bianco perla..)

 

2) NON RIPRODUZIONE del SEME (anche perchè soggetto a brevetto) e quindi dipendenza dalla multinazionale produttrice

 

3) CONTRARIETA’ alla coltivazione degli OGM da parte di tutte le Regioni soprattutto per motivi economici (perdita d’immagine)

 

4) NESSUNA SICUREZZA rispetto ai RISCHI per la salute di esseri umani e animali, alla CONTAMINAZIONE (permanente) del suolo e dell’ambiente. NESSUNA certezza di resistenza a siccità e avversità climatiche

 

..e inoltre.. smettiamola di evocare la “fame nel mondo” i dati della FAO parlano chiaro “si produce cibo per oltre 8miliardi di persone mentre siamo in 6miliardi” quindi non è un problema di produzione ma di distribuzione..

 

TI CHIEDIAMO PERTANTO DI DIRE NO AGLI OGM !!

 

DI CHIEDERE IL DIVIETO DI COLTIVAZIONE DEGLI OGM IN ITALIA SOTTOSCRIVENDO LA NOSTRA PETIZIONE

 

Chiediamo inoltre una presa di posizione, una dichiarazione, una mobilitazione, un azione informativa sulla questione OGM anche..

 

alle associazioni di categoria e associazioni ambientaliste, agli enti locali, al Parco delle Dolomiti bellunesi, ai nostri rappresentanti politici e a tutti coloro che hanno a cuore la loro Terra…

 

“ siamo passati dai campi di sterminio allo sterminio dei campi”

 

(Andrea Zanzotto)

 

per informazioni, adesioni, materiale informativo:

 

www.coltivarcondividendo.blogspot.com – 3336889954 (tiziano)

ArticoliComunità

Le sfide del 2022

di Riccardo Bocci - Rete Semi Rurali Nel 2019 la Commissione Europea ha ripreso in mano un dossier abbandonato da qualche anno, causa cocente bocciatura nel 2014 da parte del Parlamento: la legislazione sementiera. Si tratta di un tema cruciale per il settore...

ArticoliComunità

Le varietà biologiche

Il regolamento europeo per il biologico (UE) 2018/848 introduce una nuova categoria di sementi iscritte ai registri nazionali e comunitario: le varietà biologiche. La definizione che ne da il regolamento è di “una varietà […] che: a) è caratterizzata da un elevato...

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla Newsletter RSR e ricevi solo notizie e articoli su Agrobiodiversità, inviti ad eventi, iniziative dei nostri Soci.

Send this to a friend