Quanto è sicuro il mais ogm?

Feb 21, 2018 | agrobiodiversità, innovazione, Ricerca azione | 0 commenti

È stato salutato come uno studio rivoluzionario sul mais geneticamente modificato. Un team della Scuola Superiore Sant’Anna e dell’Università di Pisa afferma che il mais ogm non è rischioso né per la salute dell’uomo, né per l’ambiente. Esperti a confronto.

Lo studio pubblicato su “Scientific Reports” è stato condotto dal team della Scuola Superiore Sant’Anna e dell’Università di Pisa, coordinato da Laura Ercoli, docente di Agranomia e Coltivazioni Erbacee che ci spiega i risultati ottenuti. Salutato come rivoluzionario lo studio ha sollevato tuttavia delle critiche.

È stato salutato come uno studio rivoluzionario sul mais geneticamente modificato. Un team della Scuola Superiore Sant’Anna e dell’Università di Pisa afferma che il mais ogm non è rischioso né per la salute dell’uomo, né per l’ambiente. Esperti a confronto.Lo studio pubblicato su “Scientific Reports” è stato condotto dal team della Scuola Superiore Sant’Anna e dell’Università di Pisa, coordinato da Laura Ercoli, docente di Agranomia e Coltivazioni Erbacee che ci spiega i risultati ottenuti. Salutato come rivoluzionario lo studio ha sollevato tuttavia delle critiche.

Tra gli esperti più scettici Salvatore Ceccarelli, ex docente di Genetica Alimentare che ai nostri microfoni oltre a porre l’accento sul pericolo per l’ecosistema biologico, aggiunge: “Una cosa su cui tutti i nutrizionisti concordano è che quello che fa bene alla salute è la diversità della dieta, ma come facciamo a nutrire il nostro microbioma intestinale di diversità quando l’agricoltura va esattamente nella direzione opposta?”.

L’intervista a Radio Colonia qui

servizio di Cristina Giordano

 

ArticoliRicerca azione

Il punto di vista dei contadini

Dal Coordinamento Europeo La Via Campesina Dobbiamo trovare una risposta alle sfide attuali delineate nelle strategie Farm to Fork e Biodiversità. Queste sfide includono l'adattamento ai cambiamenti climatici, l'emancipazione dalla dipendenza da fertilizzanti...

ArticoliRicerca azione

Il punto di vista del mondo del biologico

Da IFOAM Organics Europe Per migliorare le condizioni per lo sviluppo di varietà adatte al biologico, sono cruciali una maggiore flessibilità e dei criteri adeguati per la registrazione delle varietà biologiche. I risultati della sperimentazione temporanea sulle...

ArticoliRicerca azione

Il punto di vista dei Seed Savers

Arche Noah: una nuova legislazione sulle sementi deve sostenere la conservazione Una nuova legislazione sulle sementi deve sostenere la conservazione, l'uso sostenibile e la gestione dinamica dell'agrobiodiversità come patrimonio socio-culturale, base della...

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla Newsletter RSR e ricevi solo notizie e articoli su Agrobiodiversità, inviti ad eventi, iniziative dei nostri Soci.

Send this to a friend