In commercio per la coltivazione 2 nuove varietà di mais OGM

Feb 6, 2017 | agrobiodiversità, Seminare il cambiamento | 0 commenti

Facendo seguito alle nostre precedenti comunicazioni, si informa che nel corso del “Comitato permanente piante, animali, alimenti e mangimi” del 27 gennaio u.s., ancora una volta gli Stati membri non sono pervenuti al raggiungimento di una maggioranza qualificata pro o contro l’autorizzazione per l’immissione in commercio per la coltivazione delle sementi di due nuove varietà di mais OGM, sulla base delle seguenti proposte della Commissione:

-Facendo seguito alle nostre precedenti comunicazioni, si informa che nel corso del “Comitato permanente piante, animali, alimenti e mangimi” del 27 gennaio u.s., ancora una volta gli Stati membri non sono pervenuti al raggiungimento di una maggioranza qualificata pro o contro l’autorizzazione per l’immissione in commercio per la coltivazione delle sementi di due nuove varietà di mais OGM, sulla base delle seguenti proposte della Commissione:

Proposta di decisione di esecuzione della Commissione riguardante l’immissione in commercio per la coltivazione delle sementi di mais Bt11 (SYN-BTØ11-1)

– Proposta di decisione di esecuzione della Commissione riguardante l’immissione in commercio per la coltivazione delle sementi di mais 1507 (DAS-Ø15Ø7-1)

 

Inoltre, gli Stati membri non sono pervenuti al raggiungimento di una maggioranza qualificata pro o contro per il rinnovo dell’autorizzazione della unica varietà di mais OGM coltivata nell’UE (il MON810), sulla base della seguente proposta della Commissione:

 

– Proposta di regolamento di esecuzione che rinnova l’autorizzazione per l’immissione in commercio per la coltivazione delle sementi di mais MON 810 (MON-ØØ81Ø-6)

 

La Commissione sperava di sbloccare il processo di autorizzazione delle tre proposte con l’entrata in vigore della Direttiva (UE) 2015/412 del Parlamento europeo e del Consiglio che ha introdotto la possibilità, per uno Stato membro, di vietare su tutto o parte del loro territorio la coltivazione di OGM.

 

Un nuovo voto è previsto nel Comitato d’appello che si riunirà in primavera e, in caso di assenza di parere, la decisione ritornerà nelle mani della Commissione europea per l’adozione delle tre proposte presentate.

 

Cordiali saluti.

Stefano Masini

 

Task Force per un’Italia libera da OGM

Via XXIV maggio, 43

00187 Roma

Tel 06.4682311/398

Fax 06.4682214

ArticoliSeminare il cambiamento

Cambiamo agricoltura!

Il contributo della società civile sulla riforma della PAC di Federica Luoni - Resp. Agricoltura Lipu, Coalizione Cambiamo Agricoltura Dal 2017 un gruppo di 80 associazioni Italiane, unite ai coordinamenti Europei si batte per dare un futuro diverso all’Agricoltura...

ArticoliSeminare il cambiamento

Il green-washing della PAC italiana

di Franco Ferroni - Responsabile Agricoltura WWF Italia, Coalizione Cambiamo Agricoltura Il Piano Strategico Nazionale della PAC post 2022 inviato dall’Italia alla Commissione Europea delude le aspettative di chi chiede una vera transizione ecologica della nostra...

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla Newsletter RSR e ricevi solo notizie e articoli su Agrobiodiversità, inviti ad eventi, iniziative dei nostri Soci.

20-21-22 Maggio 2022Scandicci (FI)

Rete Semi Rurali ETS vi invita a partecipare a una 3 giorni dedicata al tema della Biodiversità dal campo alla tavola

Send this to a friend