La Banca Dati Sementi Biologiche Italiana

Ago 7, 2021 | Articoli

Maggiore trasparenza del mercato di sementi bio

Da gennaio 2019 la Banca Dati Sementi Biologiche (BDS) è diventata lo strumento per la gestione delle deroghe in agricoltura biologica.

Il D.M. n. 15130 del 24 febbraio 2017, che ha formalmente istituito la BDS, ha introdotto importanti novità nel panorama delle sementi bio e delle deroghe:

• la semaforizzazione delle specie e dei gruppi commerciali in base alla disponibilità di sementi bio;

• l’istituzione di un sistema informatizzato automatizzato, integrato con il Sistema d’Informazione Nazionale sull’Agricoltura Biologica (SINAB) per gestione e consultazione disponibilità di sementi bio, richiesta e consultazione di deroghe da parte di fornitori, agricoltori e organismi di controllo;

• la creazione di un gruppo di esperti (art 3.4 DM 15130) che supporti il Ministero per la predisposizione e l’aggiornamento delle liste rossa, gialla e verde, predispone raggruppamenti commerciali per l’identificazione di varietà equivalenti.

Deroga per Ricerca e Sperimentazione

Gli agricoltori certificati bio che svolgono attività sperimentali di campo devono richiedere la deroga se il materiale riproduttivo vegetale impiegato non è certificato bio. Dall’introduzione della Banca Dati Sementi Biologiche occorre fare la richiesta di deroga selezionando nel menù a sinistra del portale “Richiesta Deroga per Ricerca / Sperimentazione”. Per ogni varietà, linea o accessione sarà necessario fornire le seguenti informazioni:

Denominazione e partita IVA ente/organizzazione con cui si collabora per la sperimentazione (nel caso si siano ricevuti i semi dalla Casa delle Sementi di Rete Semi Rurali, indicare gli estremi che si trovano sul sito rsr.bio)

Specie a cui appartengono i semi in oggetto (menù a tendina)

Varietà: scegliere dal menù a tendina se si tratta di varietà iscritta ai registri varietali, o compilare manualmente in caso si tratti di varietà locale, linea in selezione o popolazione non presenti nel menù

Motivazione: scegliere “Varietà da utilizzarsi in prove sperimentali per ricerca scientifica”

La gestione della banca dati spetta all’ufficio agricoltura biologico del Ministero, con il supporto dell’unità di Milano del CREA-DC (ExENSE) che coordina il funzionamento tecnico-operativo della BDS e mantiene aggiornate le liste di varietà rispetto alregistro varietale comunitario. A fianco del gruppo di esperti istituzionale di 12 membri, che comprende Ministero e CREA-DC, rappresentanti di Regioni e associazioni di categoria (Aiab, FederBio, Anabio, ecc.), esiste un gruppo di esperti tecnico coordinato dal CREA-DC nell’ambito del progetto Bioseme-SIB, cui partecipano esperti delle ditte sementiere (Assosementi, Asseme, Coams, Assovivai, ecc.), gli informatici che hanno sviluppato e mantengono il sistema e Rete Semi Rurali.

Uno degli scopi della BDS è aumentare la trasparenza del mercato di sementi bio e disincentivare la deroga. Per gli agricoltori bio “virtuosi” la deroga risulta l’eccezione in casi particolari come ricerca o conservazione della diversità agricola.

In fase di avvicinamento al lancio della BDS (seconda metà del 2018) il gruppo tecnico ha testato il sistema informatico della BDS in pre-esercizio e da gennaio 2019 ne ha monitorato il funzionamento suggerendo modifiche e miglioramenti. Le analisi e i suggerimenti emersi in seno al gruppo tecnico Bioseme-SIB, venivano portate all’attenzione del gruppo esperti istituzionale per essere discusse e votate. Un bilancio dei primi otto mesi di attività della BDS è stato presentato da CREA-DC e Ministero durante un incontro nazionale organizzato da Rete Semi Rurali nell’ambito del progetto LIVESEED presso il CREA-DC di Firenze nel 2019.

Novità 2021

A fine 2020, sulla base dell’analisi dei dati storici delle deroghe e di valutazioni tecniche e di mercato, il Ministero ha deciso di attivare la “lista rossa” (specie per cui non è concessa la deroga) per erba medica e trifoglio alessandrino.

Tuttavia, per consentire al settore di adeguarsi al nuovo regime, è stata anche istituita la funzione “ordina in tempo utile” che permette agli agricoltori di pre-ordinare per l’anno successivo il proprio fabbisogno di semente in lista rossa. In questo modo le ditte sementiere ricevono un’indicazione precisa sulla reale necessità di semente, mentre gli agricoltori avranno la possibilità di richiedere una deroga se la semente non risultasse poi effettivamente disponibile in BDS l’anno successivo.

Le prossime specie che saranno valutate per ingresso in lista rossa sono: frumento tenero, frumento duro e avena, mentre per il mais si valuta l’istituzione di “liste di equivalenza” tra varietà con le stesse caratteristiche. L’istituzione delle liste di equivalenza potrebbe consentire l’ingresso in lista rossa di determinate classi commerciali, per le quali sia dimostrata la sufficiente disponibilità di sementi bio.

Notiziaro 26

Send this to a friend