Casa dell’Agrobiodiversità

La Casa dell’Agrobiodiversità è la sede dell’associazione Rete Semi Rurali che si occupa di conservazione e uso della biodiversità agricola nonchè della divulgazione dei temi ad essa legati.


Casa dei semi
All’interno dei nuovi sistemi sementieri diversificati un ruolo importante lo giocano le Case delle Sementi, realtà formali o informali che facilitano la conservazione e quindi l’uso e la coltivazione della diversità da parte di agricoltori, hobbisti e cittadini. RSR ne gestisce una nella sua sede di Scandicci dove identifica, seleziona, conserva e mette a disposizione semi
resilienti.

Biblioteca
Nel novembre del 2020 è stata avviata l’opera di inventariazione del patrimonio librario dell’associazione e nel gennaio 2021 la Biblioteca dell’Agrobiodiversità è entrata a far parte del Sistema Documentario Integrato dell’Area Fiorentina (SDIAF), inserendosi così nel grande gruppo di biblioteche ed archivi che custodiscono il patrimonio culturale della città.

Ad oggi la Biblioteca dell’Agrobiodiversità ospita circa 1700 monografie, 80 riviste e 50 documenti audiovisivi, molti dei quali sono stati raccolti in anni di lavoro e di ricerca o regalati da amici e soci dell’associazione. Il patrimonio librario è organizzato in due sezioni: la prima ospita la documentazione cosiddetta “classica” che spazia dall’agronomia, all’economia fino alle scienze sociali; l’altra, più specifica e ricca, accoglie tutto il materiale a tema “agrobiodiversità”. Quest’ultima è a sua volta suddivisa nelle 4 aree tematiche che rispecchiano l’attività dell’associazione: Casa delle Sementi, RicercAzione, Strategie per il Cambiamento, Comunità.

La Biblioteca dell’Agrobiodiversità si propone di diventare un luogo fondamentale per la circolazione di idee e la realizzazione di attività divulgative e formative: un punto di riferimento per agricoltori, studiosi o curiosi che desiderano approfondire il tema dell’agro-biodiversità vegetale e animale e partecipare ad un vasto dibattito culturale che coinvolge tutta la collettività.

ORTI DELLA DIVERSITA’

ORTI DELLA DIVERSITA’

ll Comune di Scandicci ha aderito al progetto “Centomila Orti in Toscana”. Tale progetto prevede l’utilizzo e riqualificazione di terreni pubblici incolti per la realizzazione di orti urbani, ossia aree attrezzate finalizzate alla coltivazione orticola domestica e ad attività e modalità gestionali e di fruizione che ne favoriscano l’utilizzo a carattere ricreativo, ludico, didattico, per lo svago, la socializzazione, l’aggregazione, la promozione di sani stili di vita e di relazioni interpersonali e intergenerazionali positive e solidali. L’ area degli Orti della Diversità è situata nel quartiere di Vingone e conta 29 appezzamenti.

Le realtà del territorio coinvolte

Sotto l’elenco delle realtà coinvolte nell ’ATS:

  • Rete Semi Rurali, capogruppo e mandataria della ATS, associazione non riconosciuta non
    profit, costituita da circa 45 organizzazioni che si occupa, a livello nazionale,
    prevalentemente del recupero, coltivazione, conservazione, scambio, sviluppo e della
    diffusione di varietà tradizionali, presso la Casa dell’Agro biodiversità in piazza Brunelleschi
    8 a Scandicci, stimolando, soprattutto, l’innovazione rurale, anche attraverso la ricerca
    partecipativa, e lo scambio di conoscenze e saperi tra agricoltori, ricercatori, tecnici e
    amatori;
  • Seed Vicious Associazione di promozione sociale, di Scandicci, composta da contadini e
    cittadini, giovani ed anziani, con la finalità di custodire i semi, fulcro della vita sulla terra.
    L’associazione produce i semi di varietà orticole, ne salvaguardia le peculiarità e le
    biodiversità, mettendoli in condivisione nellasua rete;
  • La Fierucola Associazione di promozione sociale, di Fiesole, che promuove mercati locali a
    piccola scala, di attività familiari, anche non in forma di impresa, in cui prevale il rapporto di
    fiducia tra il produttore ed il consumatore, i prodotti ad alta manualità, con qualità ecologica
    e valore sociale, semplici, originali ed ispirati alle tradizioni agricole ed artigiane del territorio;
  • la Società toscana di orticultura (STO), associazione senza fini di lucro di Firenze ha lo
    scopo di incoraggiare e promuovere l’orticoltura in Toscana, mediante mostre mercato
    florovivaistiche e corsi di formazione in tema di orticoltura, giardinaggio, architettura dei
    giardini.
  • Terra onlus, è una associazione impegnata a livello locale, nazionale e internazionale in
    progetti e campagne sui temi dell’ambiente e dell’agro-ecologia.
  • Giglio del Campo è una cooperativa sociale di Firenze che si occupa della cura del verde
    ed i cui servizi principali sono progettazione, realizzazione e manutenzione dei giardini e
    vendita di piante da giardino.
    -EticaMENTE è una organizzazione di volontariato, che condivide una visione comune su di
    uno stile di vita sostenibile e solidale e promuove uno dei primi GAS – gruppi di acquisto
    solidale nato in Toscana;
  • la cooperativa sociale onlus “Gaetano Barberi” fa attività con persone diversamente abili.
    Descrizione del progetto.

Il progetto: sfide per il futuro

Il progetto “Orti della diversità” si vuole caratterizzare come un orto urbano basato sulla biodiversità agricola e le pratiche agricole biologiche o biodinamiche, in cui il lavoro comune dell’orto oltre a essere un’opportunità di autoproduzione di cibo sano e nutriente vuole stimolare relazioni fondate sul reciproco rispetto, basate su di un rinnovato rapporto con la natura e con il proprio territorio e la propria comunità. Il Complesso di orti ha tra i suoi destinatari in maggior parte giovani e anziani, che potranno, coltivando, socializzare e condividere tanto le loro esperienze quanto le loro tradizioni o conoscenze e allo stesso tempo, formandosi, sviluppare nuove competenze tecniche quanto nuove capacità relazionali. La diversità, stimolata nei diversi momenti di aggregazione, negli scambi sociali ed intergenerazionali come nei momenti di formazione ambientale e di crescita culturale, sarà la caratteristica principale e trasversale che darà vita ad uno spazio di socialità nel quartiere, di coesione del territorio e di diffusione della cultura della sostenibilità ambientale e dell’Agenda 2030.

Per un agricoltura biologica e varietà locali

Nel Complesso Orti sono obbligatori i seguenti criteri di produzione:

  1. Utilizzare tecniche di coltivazione naturale biologica che valorizzino la fertilità del suolo
    con la rotazione delle colture;
  2. Non utilizzare prodotti chimici ma piuttosto: a) diserbanti e antiparassitari con macerati
    vegetali, b) concimi chimici con i fertilizzanti ottenuti per compostaggio di resti vegetali;
  3. Acquistare i fattori di produzione adatti o provenienti da coltura biologica, al fine di
    garantire il rispetto del regolamento;
  4. Gli appezzamenti degli orti sono destinati alla coltivazione domestica di ortaggi,
    erbe aromatiche, profumate, fiori, specie arbustive ed arboree, ma anche
    endemiche e per la conservazione di quelle specie autoctone tipiche dell’agricoltura
    mediterranea ed in particolare di quella toscana, nonché di alberi da frutto.
    Obiettivi generali
  5. Migliorare la qualità della vita della popolazione;
  6. Rivalutare e rivitalizzare luoghi e spazi pubblici di quartieri periferici o urbani,
    facendo dell’orto uno spazio integrato con il Parco circostante.
  7. Aumentare la consapevolezza dei cittadini sui temi della sostenibilità ambientale e
    della coesione sociale;

Esempi di calendario

Gennaio 2022

L
M
M
G
V
S
D
27
28
29
30
31
1
2
Events for 1st Gennaio
Nessun evento
Events for 2nd Gennaio
Nessun evento
3
4
5
6
7
8
9
Events for 3rd Gennaio
Nessun evento
Events for 4th Gennaio
Nessun evento
Events for 5th Gennaio
Nessun evento
Events for 6th Gennaio
Nessun evento
Events for 7th Gennaio
Nessun evento
Events for 8th Gennaio
Nessun evento
Events for 9th Gennaio
Nessun evento
10
11
12
13
14
15
16
Events for 10th Gennaio
Nessun evento
Events for 11th Gennaio
Nessun evento
Events for 12th Gennaio
Nessun evento
Events for 13th Gennaio
Nessun evento
Events for 14th Gennaio
Nessun evento
Events for 15th Gennaio
Nessun evento
Events for 16th Gennaio
Nessun evento
17
18
19
20
21
22
23
Events for 17th Gennaio
Nessun evento
Events for 18th Gennaio
Nessun evento
Events for 19th Gennaio
Nessun evento
Events for 20th Gennaio
Nessun evento
Events for 21st Gennaio
Nessun evento
Events for 22nd Gennaio
Nessun evento
Events for 23rd Gennaio
Nessun evento
24
25
26
27
28
29
30
Events for 24th Gennaio
Nessun evento
Events for 25th Gennaio
Nessun evento
Events for 26th Gennaio
Nessun evento
Events for 27th Gennaio
Nessun evento
Events for 28th Gennaio
Nessun evento
Events for 29th Gennaio
Nessun evento
Events for 30th Gennaio
Nessun evento
31
1
2
3
4
5
6
Events for 31st Gennaio
Nessun evento

Ongoing projects

Ongoing projects

• Horizon 2020: LIVESEED “Improve performance of organic agriculture by boosting organic seed and plant breeding efforts across Europe” (ref. 727230-2) 2017-2021 – LIVESEED aims to improve the performance and competitiveness of the organic sector by boosting organic seed and plant breeding efforts. The main outcome will be an improved breeding efficiency and a greater choice and uptake of organic seed derived from resilient cultivars to optimize organic and low-input agriculture and strengthen sustainable food production in Europe.
• EIP-AGRI at national level: CEREALI RESILIENTI (ref. 67/2016) 2017 € 50.000 – building of an Operational Group to evaluate the feasibility of a local seed company selling cereals populations in the framework of the EU decision n°1681/2014.
• Horizon 2020: CERERE “CEreal REnaissance in Rural Europe: embedding diversity in organic and low-input food systems” (ref. 727848) 2016-2019  – By creating a solid multi-actor network among researchers and communities of practice, and focusing on cereals as cornerstones of European agriculture, culture and diets, CERERE will facilitate exchange and integration of scientific as well as practical knowledge on how to best manage diversity in all steps of cereal food systems, from seed to fork.
• Horizon 2020: DIVERSIFOOD “Embedded crop diversity and networking for local high quality food systems” (ref. 633571) 2015-2019 € – the DIVERSIFOOD project will evaluate and enrich the diversity of cultivated plants (species, inter-varietal and intra-varietal diversity) in agriculture and forestry within agroecosystems so as to increase the performance and resilience of those systems while simultaneously increasing the range and quality of the produce. Using specific, relevant cases, the project will strengthen the “food culture” so as to bring producers scientists, processors, traders and consumers closer together in promoting and using greater diversity of plants and produce with a local and cultural identity.
• Horizon 2020: CAPSELLA “Collective Awareness PlatformS for Environmentally-sound Land management based on data technoLogies and Agrobiodiversity” (ref. 688813) 2015-2018 €  – A major sustainability challenge for the European society is moving beyond conventional, industrialised food production and agricultural systems, characterised by a high use of external inputs. Alternative systems with reduced use of external inputs have to be promoted, based on i) an optimised use of agricultural biodiversity (hereafter ‘agrobiodiversity’), ecological processes and natural resources and on ii) improved food systems based e.g. on short supply chain quality food, where consumers play an active role in driving produce demand and consequently offer. CAPSELLA will address this challenge in two ways: (a) raising awareness on these issues especially within and among local communities (smallholders agriculture, biodiversity, food quality) but also within the broader European public, and (b) offering innovative ICT solutions that will address needs and requirements coming from the communities. To achieve this we will use a combination of participatory bottom up data collection and top down data integration to develop solutions for two domains: agrobiodiversity and local food knowledge.
• Italian Ministry of Agriculture MiPAAF/Plant Genetic Resources/FAO Treaty RGV/FAO/RSR “Project Implementation of the FAO Treaty” 2007-2019  – Support for the implementation of ITPGRFA at national level and on the promotion of agricultural goods practices and sustainable use of agro-biodiversity at national and international level.
• Italian Ministry of Agriculture MiPAAF/Plant Genetic Resources/FAO Treaty RGV/FAO/RSR “Pilot project for the activation of a National Registry on cultivated local varieties” 2014-2015

 

Previous projects

• Lifelong Learning Programme: SEED FARMING “Staff training from experienced local farm mentors for the future of seeds” (2013-1-IT1-LEO03-03791) 2013-2015 – The objectives of the project are to share at European level programs, training arrangements and existing technical resources for the management and use of agricultural biodiversity.
• Lifelong Learning Programme: GROW “Growing agricultural biodiversity: knowledge and practice in Europe” (2013-1-ES1-LE004-71009 4) 2013-2015  – The overall project goal was to preserve the heritage of European cereals, fruits, vegetables through their development and their innovative use in the agro-food sector. In this way, the project was intended to strengthen the competitiveness of farmers and contribute to the nutritional quality of European food.
• Own funds: LCD 2013 “LET’S CULTIVATE DIVERSITY 2nd edition” 12-15 June 2013 Peccioli (PI) ITALY website http://cultivatediversity.org video http://vimeo.com/75470942
• Non-State Actors and Local Authorities in Development: FARMER SEEDS “Good practices in sustainable agriculture and Food sovereignty: developing an inclusive approach in fighting against poverty » (EuropeAid/127765/C/ACT/MULTI/1-165) 2010-2013 . website www.farmerseeds.org
• Lifelong Learning Programme: COLUMELLA “Cultivated Biodiversity and training in Europe » (LLP-LDV-PA-10-IT-279) 2010-2012 – The overall project goal was to preserve the heritage of European cereals, fruits, vegetables through their development and their innovative use in the agro-food sector. In this way, the project was intended to strengthen the competitiveness of farmers and contribute to the nutritional quality of European food.

 

 

Ongoing projects

The Italian Seeds Network – Who we are

Rete Semi Rurali (literally “rural seeds network”) is the Italian Farmers’ Seeds Network. It was established in 2007 to strengthen and coordinate the activities of existing associations involved in issues related to seed systems and sustainable agriculture, and as of today consists of 41 members. The commitment of RSR consists in supporting farmers, both at technical and institutional levels, in the creation and dissemination of self-reliant and sustainable organic farming systems. RSR places seeds at the forefront of such commitment, promoting the idea that each soil needs its own seed and that “alternative” agricultural models – such as organic or biodynamic farming – can work only if based on appropriate and specifically adapted varieties.
Through its focus on seeds, RSR promotes a reconnection between a specific territory and agricultural activities, and to this end carries out a research and innovation agenda aimed at restoring and protecting seed biodiversity in close collaboration with farmers, and targeted to their specific agroecological environments and preferences. RSR has accumulated and disseminated valuable experience in methodologies and tools for working with farmers on agricultural biodiversity issues and for assessing and improving local-level seed systems in different European countries.
Routine RSR activities consist of:
• Providing information through a monthly informative newsletter and a periodical magazine, websites (www.semirurali.net; www.semiedintorni.it; www.biocentropertusati.it), meetings and publishing of technical and awareness material;
• Training activities based on knowledge exchange programs among farmers, technicians, researchers at regional, national and international, educational pathways with schools and specific vocational training courses;
• Engaging in advocacy to improve seed laws and related frameworks at national (together with the Ministry of Agriculture and Forestry, the National Board of Elected Seeds (ENSE) and the Regions) and European level (together with the European Coordination Let’s Liberate Diversity! www.liberatediversity.org);
• Supporting the implementation of ITPGRFA-FAO at national level and on the promotion of agricultural good practices and sustainable use of agro-biodiversity at national and international level.

Additional
• The 40 associated organization to RSR have established a long term active collaboration with farmer, producer and consumer networks in local and regional areas:
Antica Terra Gentile
Arco irissrl www.arcoiris.it
Associazione agricoltori e allevatori custodi di Parma
Associazione Arca Biodinamica
AssociazioneItaliana per l’AgricolturaBiologica www.aiab.it
Associazione la Fierucola www.lafierucola.org
Associazione per l’agricoltura biodinamica www.biodinamica.org
Associazione per la Diffusione di Piantefra Amatori
Associazione Rurale Italiana www.assorurale.it
Associazione per la Solidarietà per la Campagna Italiana www.asci-italia.org
Associazione Solidarietà per la Campagna Italiana– Toscana
Associazione Veneta dei Produttori Biologiciwww.aveprobi.org
Centro InternazionaleCrocevia www.croceviaterra.it
Centro SperimentaleAutosviluppo www.domusamigas.it
Civiltà Contadina www.civiltacontadina.it
Coltivare Condividendo www.coltivarcondividendo.blogspot.it
Consorzio della Quarantina www.quarantina.it
Consorzio produttoridellaSolinad’Abruzzo
CoordinamentoToscanoproduttoriBiologici www.ctpb.it
Distretto di Economia SolidaleAltroTirreno
Distretto di Economia solidale della Brianza www.desbri.it
Diversamente Bio www.diversamentebio.it
Geoponika www.geoponika.org
Movimento per l’Autosviluppol’Interscambio e la Solidarietà www.mais.to.it
Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti dellaLaga www.gransassolagapark.it
Principi Pellegrini Divangazioni www.divangazioni.org
Seminati www.fattoriailrosmarino.it/associazione-seminati
Soffi di terra www.soffiditerra.it
Stazione consortile sperimentale di granicoltura per la Sicilia www.granicoltura.it
Terra! Onlus www.terraonlus.it
Terre e Tradizionisr lwww.terretradizioni.it
World wide opportunities on organic farms www.wwoof.it
Zolle srl www.zolle.it

• RSR works with regional agencies working on research and innovation on agriculture such as ARSIAL (www.arsialweb.it/cms ), ASSAM (www.assam.marche.it ) and CREA, the largest public agency operating in the field of agriculture with 15 centers in Italy.
• RSR is member of the European Coordination Let’s Liberate Diversity! liberatediversity.org.
• In the last years several organizations have set up collective seed banks and exchange seed networks, RSR has experience on methodologies and tools developed for community seed systems in different European countries (as database solutions of some national Network: RSR, RdS, RSP, PSR). It highlighted in several occasions recommendations and reflections to improve the databases based on the on-farm management of biodiversity and the quality of seeds in community-based seed systems. RSR represents also a seed networks including different stakeholders and gives the opportunity to share information on various experiences related to the construction of a network carrying on seed exchange and proposals for improving the functioning and structure of this kind of networks.

Send this to a friend