I grandi passi delle NGT

Gen 11, 2024 | Articoli, legislazione sementiera, Seminare il cambiamento

Serious concerns about the EU Commission proposal on New Genomic Techniques // (newgmo.org)


La Commissione, sostenuta dalla presidenza spagnola, mira a raggiungere un accordo prima delle elezioni europee del giugno 2024. A rendere incerta questa proiezione, sono le numerose questioni ancora aperte: la coesistenza tra produzioni con NGT e produzioni libere da ogni tipo di OGM, la libertà di scelta del consumatore, il divieto delle NGT in agricoltura biologica, l’uso dei brevetti e la possibilità per gli Stati membri di limitare la coltivazione di piante derivate da NGT. Circa la metà degli Stati membri sostiene la deregolamentazione proposta dalla Commissione, mentre altri (Germania, Polonia, Austria e Ungheria) sono più cauti. Pertanto, il raggiungimento di un accordo nel Consiglio entro la prossima estate è ad oggi imprevedibile. Nel Parlamento, il relatore della Commissione ENVI su questo tema ha presentato il 16 ottobre scorso una relazione in cui propone di: ridurre i (già deboli) requisiti per trasparenza e tracciabilità; eliminare l’obbligo di etichettare come NGT le sementi
derivanti da queste tecniche, con evidenti conseguenze lungo tutta la filiera agricola e alimentare. Al contrario, il divieto all’uso di NGT1 e NGT2 è un punto fermo per il mondo del biologico.
Le Commissioni Agricoltura e Ambiente si esprimeranno con il voto rispettivamente a dicembre 2023 e gennaio 2024. Emerge una tendenza in cui Sinistra, Verdi e la maggioranza dei Social Democratici sono a favore di mantenere o rafforzare il principio di precauzione, la trasparenza e la tutela dell’agricoltura biologica. Al contrario, i Popolari, molti Liberali ed in generale i partiti di destra sono orientati verso una più spinta deregolamentazione.

Notiziaro 35

Send this to a friend