Il Montenegro e il Brasile vanno a conoscere e studiare i progetti agroalimentari del Parco del Gran Sasso e Laga

da | Nov 8, 2010 | Comunicazioni dai soci, Comunità | 0 commenti

I progetti realizzati dal Parco Gran Sasso e Monti della Laga nel settore agroalimentare sono sempre più presi a modello quali latori di comportamenti virtuosi a favore del territorio e delle comunità locali.

 I progetti realizzati dal Parco Gran Sasso e Monti della Laga nel settore agroalimentare sono sempre più presi a modello quali latori di comportamenti virtuosi a favore del territorio e delle comunità locali. Dopo quella montenegrina, portata alcuni mesi dalla FAO, nella mattinata di ieri, una delegazione di studenti e giovani inoccupati italo – brasiliani sono stati condotti ad Assergi dall’Università degli Studi di Teramo, nell’ambito di uno specifico progetto condotto in Brasile in collaborazione con l’Università Federale di Santa Catarina e con Slow Food Italia e finalizzato alla formazione dei lavoratori italiani residenti in Paesi non appartenenti all’Unione Europea.

I progetti realizzati dal Parco Gran Sasso e Monti della Laga nel settore agroalimentare sono sempre più presi a modello quali latori di comportamenti virtuosi a favore del territorio e delle comunità locali.

 I progetti realizzati dal Parco Gran Sasso e Monti della Laga nel settore agroalimentare sono sempre più presi a modello quali latori di comportamenti virtuosi a favore del territorio e delle comunità locali

Dopo quella montenegrina, portata alcuni mesi dalla FAO, nella mattinata di ieri, una delegazione di studenti e giovani inoccupati italo – brasiliani sono stati condotti ad Assergi dall’Università degli Studi di Teramo, nell’ambito di uno specifico progetto condotto in Brasile in collaborazione con l’Università Federale di Santa Catarina e con Slow Food Italia e finalizzato alla formazione dei lavoratori italiani residenti in Paesi non appartenenti all’Unione Europea.

Di ritorno dall’illuminante esperienza di “Terra Madre”, a Torino, che hanno condiviso con gli ospiti brasiliani, i tecnici del Servizio Agrosilvopastorale dell’Ente Parco hanno illustrato con l’ausilio di slide le principali tappe del lavoro del Parco a salvaguardia delle economie rurali, per la conservazione dei semi e delle antiche varietà e per la promozione delle attività agricole e zootecniche tradizionali, trovando significativa condivisione su tematiche di interesse globale, come il valore civile della gelosa conservazione dell’agrobiodiversità territoriale.
L’incontro, molto positivo, si è chiuso con l’intenzione espressa di mantenere contatti di collaborazione per trarre positiva ispirazione dalle reti di agricoltori custodi e dalle associazioni di produttori create nell’area protetta dallo stesso Ente Parco.

ArticoliComunità

Il progetto COPASUDI

Sviluppo di soia per alimentazione umana e animale in biologico di Piercarlo Tivano - Scuola Agraria Salesiana di Lombriasco Copasudi, progetto di cooperazione tra piccole aziende agricole sulla soia ad utilizzo diretto nasce, ancor prima di essere ammesso a...

ArticoliComunità

Trazione animale: ritorno al futuro?

COPASUDI rilancia la consolidata esperienza maturata da Asci Piemonte nell’utilizzo della trazione animale in agricoltura. Ma qual è l’attuale situazione del movimento per la Trazione Animale in Italia? Marco Spinello praticante e formatore nell’ambito specifico...

ArticoliComunità

Il fagiolo dall’occhio in un’azienda risicola

Intervista all'azienda agricola Stocchi I sistemi colturali italiani stanno cambiando profondamente spinti dai cambiamenti dei consumi, le nuove disposizioni della PAC, incertezza economiche, e non ultimi i cambiamenti climatici. Il crescente interesse per le...

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla Newsletter RSR e ricevi solo notizie e articoli su Agrobiodiversità, inviti ad eventi, iniziative dei nostri Soci.

Send this to a friend