Biodiversità a secco 2

Ott 21, 2008 | Comunicazioni dai soci, Comunità | 0 commenti

In seguito alla nostra lettera in cui chiedevamo un aiuto per la collezione di alberi da frutto detenuta da Archelogia Arborea, qualche giorno fa abbiamo ricevuto la risposta della Regione Umbria. Nella lettera (scaricabile dal nostro sito) la Regione fa presente che non ha la “strumentazione programmatica e finanziaria idonea” e rimanda ai bandi del Piano di Sviluppo Rurale come strumento di aiuto.
Crediamo che la Regione avrebbe e dovrebbe fare di più sia per dare attuazione alla sua legge regionale di tutela della biodiversità agricola, sia per dare implementazione al Trattato FAO sulle risorse genetiche agricole. In ogni caso sarà nostra cura informare i lettori del sito sui seguiti di questa vicenda

ArticoliComunità

Le sfide del 2022

di Riccardo Bocci - Rete Semi Rurali Nel 2019 la Commissione Europea ha ripreso in mano un dossier abbandonato da qualche anno, causa cocente bocciatura nel 2014 da parte del Parlamento: la legislazione sementiera. Si tratta di un tema cruciale per il settore...

ArticoliRicerca azione

Il punto di vista dei contadini

Dal Coordinamento Europeo La Via Campesina Dobbiamo trovare una risposta alle sfide attuali delineate nelle strategie Farm to Fork e Biodiversità. Queste sfide includono l'adattamento ai cambiamenti climatici, l'emancipazione dalla dipendenza da fertilizzanti...

ArticoliComunità

Le varietà biologiche

Il regolamento europeo per il biologico (UE) 2018/848 introduce una nuova categoria di sementi iscritte ai registri nazionali e comunitario: le varietà biologiche. La definizione che ne da il regolamento è di “una varietà […] che: a) è caratterizzata da un elevato...

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla Newsletter RSR e ricevi solo notizie e articoli su Agrobiodiversità, inviti ad eventi, iniziative dei nostri Soci.

Send this to a friend