Il Trattato FAO e i diritti degli Agricoltori

Il Trattato FAO e i diritti degli Agricoltori

SEED POLICY DIALOGUES

Cos’è il trattato FAO e quali sono gli ultimi aggiornamenti sui diritti degli agricoltori?
Quale prospettiva e azione interessa il panorama europeo?

 

17:00 – 17:15 | Panoramica dei temi più caldi della newsletter “Sprouts from Brussels”
(riforma del marketing delle sementi UE & rapporto INI del Parlamento Europeo su “Farm to Fork”) Fulya Batur, Kybele

17:15 – 17:40 | I diritti degli agricoltori: Background e attuazione Mario Marino, Segreteria ITPGRFA della FAO

17:40 – 18:00 | Attuazione dei diritti degli agricoltori in Europa: considerazioni per la discussione Riccardo Bocci, Rete Semi Rurali

18:00 – 18:30 | DIALOGO – Modera: Matthias Lorimer, Coordinamento Europeo Liberiamo La Diversità!

 

Il webinar sarà in inglesefrancese

Registrati
qui

SP_Dialogues#5_IT

Summer school – Trattato FAO: Le sfide per l’Italia

Summer school – Trattato FAO: Le sfide per l’Italia

A chi ci rivolgiamo?

La Summer School è rivolta a ricercatori, curatori delle banche del germoplasma, case delle sementi, ONG, associazioni, funzionari delle Regioni che si occupano a vario titolo di biodiversità agricola.

Per partecipare è necessario iscriversi al seguente link: https://forms.gle/zGv3z31UwG4npZGZ7

  • Vuoi sapere come funziona la legge sull’Agrobiodiversità in Italia?
  • Capire cosa sono l’anagrafe nazionale, le varietà da conservazione e quelle prive di valore intrinseco?
  • Capire come una banca del germoplasma pubblica deve gestire l’accesso alle risorse conservate?
  • Capire come una Casa delle sementi può legalmente far circolare le sementi?
  • Capire quali sono le norme che regolano accesso e ripartizione dei benefici secondo il Trattato FAO e il Protocollo di Nagoya? Capire cosa vuol dire uso sostenibile dell’agrobiodiversità (art. 6 del Trattato) o diritti degli agricoltori (art. 9)?
  • Comprendere come costruire un modello virtuoso in Italia che consenta la costruzione di sistemi diversificati?

La Summer school è il corso giusto per rispondere a queste domande!

Ma ancora, se gestisci progetti di cooperazione e vuoi capire come implementare in loco le politiche sull’agrobiodiversità la Summer school ti offrirà gli strumenti utili da promuovere con i tuoi partner nazionali.

Perchè una Summer school?

Per rispondere a queste domande e formare gli operatori del settore, la Rete Semi Rurali, il Segretariato del Trattato sulle Risorse Genetiche Agricole Vegetali per l’Agricoltura e l’Alimentazione e il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali hanno deciso di organizzare la prima Summer School italiana dedicata al Trattato e alla sua implementazione, all’interno del Programma RGV/FAO/2020-2022.

La Summer School fornirà ai partecipanti:

  • Strumenti tecnici, politici e scientifici per l’implementazione del Trattato Internazionale RGVAA in Italia;
  • Il quadro generale sulle risorse genetiche vegetali dal livello nazionale a quello internazionale;
  • Strumenti per la gestione dell’accesso alle RGV e la loro gestione nella Case delle Sementi e nelle Banche del Germoplasma.

 

I docenti della Summer school sono esperti del settore, provenienti dal Segretariato del Trattato, da Bioversity International e dalla Rete Semi Rurali. Il corso sarà in italiano, tranne per idocenti stranieri che interverrano in inglese.

La Summer School sarà in presenza con un massimo di 35 persone per rispettare le regole di sicurezza legate al COVID e avrà un costo di partecipazione di 50€ che include le pause caffè, due pranzi, due cene e i materiali didattici. Per facilitare la partecipazione del mondo associativo, Rete Semi Rurali coprirà 10 posti per partecipanti provenienti dalle organizzazioni socie della Rete.

Per partecipare è necessario iscriversi al seguente link: https://forms.gle/zGv3z31UwG4npZGZ7

Scarica la locandina e il programma!



Si ringrazia per l’ospitalità

Villa Bardini

20-21-22 Maggio 2022Scandicci (FI)

Rete Semi Rurali ETS vi invita a partecipare a una 3 giorni dedicata al tema della Biodiversità dal campo alla tavola