Home Eventi Il paesaggio agrario italiano

Luogo

Istituto Alcide Cervi, Biblioteca Archivio Emilio Sereni
via Fratelli Cervi, 9 - Gattatico (RE)
QR Code

Data

Nov 11 - 13 2021
Expired!

Ora

09:30 - 13:00

Etichette

Comunità

Il paesaggio agrario italiano

Sessant’anni di mutamenti da Emilio Sereni a oggi (1961-2021)

La Storia del paesaggio agrario italiano di Emilio Sereni a sessant’anni dalla sua pubblicazione (Laterza, 1961) è un libro ancora oggi molto letto e diffuso. Resta di grande attualità la sua definizione del paesaggio agrario, inteso come «la forma che l’uomo, nel corso e ai fini delle sue attività produttive agricole, coscientemente e sistematicamente imprime al paesaggio naturale». La storia di un territorio, nel suo intrinseco rapporto tra uomo e natura, è
la storia del suolo modellato dal lavoro dei contadini, dalle trasformazioni fondiarie, dagli ordinamenti colturali, dagli insediamenti e dalle infrastrutture, ma anche dai rapporti di produzione, con esiti che, al di là dei risvolti meramente economici, si caricano di valenze sociali, culturali e visive.

L’Istituto Alcide Cervi, che di Sereni conserva la Biblioteca e l’Archivio scientifico, in collaborazione con le Università di Modena e Reggio Emilia, di Parma, del Molise, di Enna “Kore”, il Politecnico di Torino, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari, Ambientali e Forestali (Università degli Studi Firenze) e il CRIAT (Centro di Ricerca Interuniversitario per l’Analisi del Territorio) organizza nei giorni 11, 12 e 13 novembre 2021 un Convegno Internazionale presso la sede dell’Istituto stesso in Gattatico (Reggio Emilia).

I temi posti al centro dell’attenzione sono:
_ Le trasformazioni del paesaggio agrario da Sereni a oggi
_ Fonti e metodi per la storia del paesaggio

Qui il PROGRAMMA COMPLETO: convegno _ il paesaggio agrario italiano

Info e comunicazioni:
paesaggioagrario2021@emiliosereni.it

 

X
20-21-22 Maggio 2022Scandicci (FI)

Rete Semi Rurali ETS vi invita a partecipare a una 3 giorni dedicata al tema della Biodiversità dal campo alla tavola